Premi 'Enter' per iniziare la ricerca o 'Esc' per uscire
Museo Ebraico Berlino

Il Museo Ebraico di Berlino

Il Museo Ebraico di Berlino

Museo Ebraico Berlino

Il Museo Ebraico di Berlino: una visita imprescindibile durante la permanenza nella capitale tedesca.

Il Museo Ebraico di Berlino – Jüdisches Museum Berlin – attrae annualmente migliaia di visitatori affascinati dall’architettura dell’edificio e dalle mostre sulla storia e la cultura degli ebrei tedeschi. Il suo programma educativo e le mostre si rivolgono a un vasto pubblico sia tedesco che internazionale. 

L’ARCHITETTURA COME OPERA D’ARTE

L’architetto di fama internazionale Daniel Libeskind ha progettato un edificio a forma di zig-zag, ricoperto da uno strato di zinco che,  in breve tempo, è diventato uno degli edifici più famosi di Berlino

L’ingresso al Museo Ebraico si trova nell’edificio barocco adiacente. Una volta giunti nei sotterranei dell’edifico dell’architetto Libeskind  la mostra si sviluppa su tre assi-corridoi che simboleggiano la vita ebraica in Germania durante il periodo nazista: l’esilio, l’Olocausto e la continuità. Il pavimento in ardesia scura è inclinato, le pareti sono bianche, è difficile mantenere l’equilibrio ed è facile perdere l’orientamento.

I TRE ASSI: UN LABIRINTO SIMBOLICO

Si può iniziare attraversando l’asse dell’esilio che vi condurrà al giardino dell’esilio. Le colonne di cemento, coronate dalla vegetazione e il terreno in pendenza creano una sensazione di insicurezza. 

L’asse dell’Olocausto è punteggiato da vetrine scure, dove sono esposti gli effetti personali dei deportati. Alla fine di questo corridoio, si arriva ad una torre buia, la Torre dell’Olocausto, dove solo una stretta apertura in cima alla torre permette di far passare un po’ di luce. 

Il terzo asse, la continuità, conduce ad una scala che porta alla sommità dell’edificio e ad una mostra permanente che ripercorre la vita della comunità ebraica per quasi 2 millenni. 

SHALECHET: L’INSTALLAZIONE PIÙ COMMOVENTE

Negli assi, vedrete quelli che apparentemente sembrano “lacune” dell’architettura, si chiamano Vuoti.

Daniel Libeskind ha trafitto l’intero edificio del Museo Ebraico di Berlino con una linea orizzontale attraverso spazi vuoti. Questi “vuoti”  sono fatti di cemento a vista e percorrono l’intera struttura verticalmente, dal suolo al tetto. 

Ricordano il vuoto fisico lasciato dall’Olocausto. Nel più grande di questi vuoti, che è stato chiamato il Vuoto della Memoria“, si può vedere l’installazione Shalechet, “foglie cadute”, dell’artista Menashe Kadishman. Più di 10.000 lastre di ferro, che rappresentano volti a bocca aperta, ricoprono il pavimento di questo spazio. Quest’opera è dedicata alle vittime innocenti della guerra.

“I vuoti verticali definiti da pareti in cemento sono in corrispondenza dei punti di intersezione. Essi sono lasciati vuoti, non riscaldati e poco illuminati e rappresentano ciò che non può mai essere esposto quando si tratta della storia ebraica di Berlino: l’umanità ridotta in cenere. (Daniel Libeskind, 2000)”

COME VISITARE IL MUSEO EBRAICO DI BERLINO

Biglietti per visitare il Museo Ebraico di Berlino:

– Biglietto singolo: comprende solo l’entrata al Museo Ebraico.

Adulti: 8€

Studenti: 3€ (gli studenti devono mostrare la tessera studenti con data di validità)

– Museumspass Berlino: valido per 3 giorni consecutivi, comprende l’entrata a più di 50 musei.

Adulti: 29€

Studenti: 14,50€ (gli studenti devono mostrare la tessera studenti con data di validità)

PER APPROFONDIRE LA TEMATICA DEGLI EBREI A BERLINO

La Topografia del Terrore: una mostra gratuita posta nel luogo dove sorgevano le sedi della Gestapo e delle SS. Si trova vicino al punto di ritrovo dei nostri Tour Quotidiani di Berlino in Potsdamer Platz n.10.

Il Memoriale della Resistenza tedesca: anche questo memoriale si trova vicino al nostro punto d’incontro in Potsdamer Platz n.10 e tratta il tema dei cittadini tedeschi che hanno fatto opposizione al regime nazista.

La Nuova Sinagoga in Oranienburgerstrasse: può essere visitata e all’intero è presente una mostra sul quartiere ebraico. 

Il Memoriale agli ebrei assassinati d’Europa: l’esposizione gratuita nel seminterrato ripercorre la Shoah.

Cosa vedere nei dintorni del Museo Ebraico

Il Museo Ebraico si trova nel quartiere di Kreuzberg e in pochi minuti si possono raggiungere il Checkpoint Charlie, Friedrichstrasse, Gendarmenmarkt e la Topografia del Terrore.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Valutazione*